Perché mi gira la testa dopo il massaggio?

Domanda:

Ciao. Come prescritto dal medico, faccio massaggi nel reparto di fisioterapia, come piace al massaggiatore, dopo il massaggio Mi rilasso, ma dopo o mi gira la testa, sono già passate 9 sedute, ma non posso farlo se dare le vertigini? Ho l'osteocondrosi e secondo la risonanza magnetica ci sono ernie nel rachide cervicale. Come va trattata adesso?

Risposta:

Ciao. La ragione di tali vertigini risiede proprio nella presenza di patologia del rachide cervicale, c'è un'alta probabilità di alterato flusso sanguigno attraverso le arterie che alimentano il cervello (i vertebrati, piuttosto Totale).

La condizione peggiora nel periodo acuto della malattia con sindrome da dolore grave e tensione nei muscoli del collo e dell'occipite. Il massaggio per le ernie intervertebrali può essere eseguito, ma con parsimonia. Piuttosto, non un massaggio terapeutico, ma una tecnica rilassante.

Oltre al massaggio del rachide cervicale, è possibile utilizzare l'agopuntura, tecniche manuali per la rimozione dei muscoli ipertono, magnetoterapia, elettroforesi con novocaina, diclofenac e idrocortisone, paravertebrale blocco.

instagram story viewer

Il medico curante può raccomandare farmaci vascolari (pentossifillina, cavinton, ad esempio) oltre alla terapia principale. Nonostante la mancanza di studi clinici e prove della loro efficacia, i pazienti di solito notano un miglioramento del benessere e una diminuzione delle vertigini dopo un ciclo di trattamento.

Contenuto

Domanda:

Ciao. Come prescritto dal medico, faccio massaggi nel reparto di fisioterapia, come piace al massaggiatore, dopo il massaggio Mi rilasso, ma dopo o mi gira la testa, sono già passate 9 sedute, ma non posso farlo se dare le vertigini? Ho l'osteocondrosi e secondo la risonanza magnetica ci sono ernie nel rachide cervicale. Come va trattata adesso?

Risposta:

Ciao. La ragione di tali vertigini risiede proprio nella presenza di patologia del rachide cervicale, c'è un'alta probabilità di alterato flusso sanguigno attraverso le arterie che alimentano il cervello (i vertebrati, piuttosto Totale).

La condizione peggiora nel periodo acuto della malattia con sindrome da dolore grave e tensione nei muscoli del collo e dell'occipite. Il massaggio per le ernie intervertebrali può essere eseguito, ma con parsimonia. Piuttosto, non un massaggio terapeutico, ma una tecnica rilassante.

Oltre al massaggio del rachide cervicale, è possibile utilizzare l'agopuntura, tecniche manuali per la rimozione dei muscoli ipertono, magnetoterapia, elettroforesi con novocaina, diclofenac e idrocortisone, paravertebrale blocco.

Il medico curante può raccomandare farmaci vascolari (pentossifillina, cavinton, ad esempio) oltre alla terapia principale. Nonostante la mancanza di studi clinici e prove della loro efficacia, i pazienti di solito notano un miglioramento del benessere e una diminuzione delle vertigini dopo un ciclo di trattamento.

  • Condividere