Radiografia del cranio per frattura lineare dell'osso frontale

Sulla panoramica presentata Radiografia del cranio in proiezione frontale, viene determinata una frattura lineare dell'osso frontale con il passaggio all'orbita (freccia bianca).

Le fratture lineari sulla radiografia del cranio sono determinate sotto forma di strette strisce di illuminazione, di varie lunghezze e configurazioni.

Alcuni elementi dell'immagine della struttura delle ossa del fornice (scanalature dell'arteria meningea media e dei seni venosi, canali delle vene diploiche o emissari) sulle radiografie possono sembrare crepe. Tuttavia, contrariamente all'immagine delle strutture anatomiche indicate delle ossa del fornice, tali lesioni sono caratterizzate da:

  • maggiore trasparenza, contrasto delle fenditure con una larghezza relativamente ridotta del loro lume;
  • la rettilineità del lume delle strisce e l'angolarità delle curve, l'assenza di curve lisce lungo il percorso (un sintomo di "fulmine" o zigzag);
  • nitidezza, chiarezza dei contorni dei bordi delle strisce;
  • aree di esposizione separata di fratture delle placche corticali esterne ed interne della volta cranica (un sintomo di biforcazione o "corda").
    instagram story viewer

Contenuto

Sulla panoramica presentata Radiografia del cranio in proiezione frontale, viene determinata una frattura lineare dell'osso frontale con il passaggio all'orbita (freccia bianca).

Le fratture lineari sulla radiografia del cranio sono determinate sotto forma di strette strisce di illuminazione, di varie lunghezze e configurazioni.

Alcuni elementi dell'immagine della struttura delle ossa del fornice (scanalature dell'arteria meningea media e dei seni venosi, canali delle vene diploiche o emissari) sulle radiografie possono sembrare crepe. Tuttavia, contrariamente all'immagine delle strutture anatomiche indicate delle ossa del fornice, tali lesioni sono caratterizzate da:

  • maggiore trasparenza, contrasto delle fenditure con una larghezza relativamente ridotta del loro lume;
  • la rettilineità del lume delle strisce e l'angolarità delle curve, l'assenza di curve lisce lungo il percorso (un sintomo di "fulmine" o zigzag);
  • nitidezza, chiarezza dei contorni dei bordi delle strisce;
  • aree di esposizione separata di fratture delle placche corticali esterne ed interne della volta cranica (un sintomo di biforcazione o "corda").
  • Condividere